Contatore sito

Perle - I gioielli di un tempo - Riflessi d'oro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cura delle perle

Pubblicato da Romina in Perle · 1/7/2019 17:10:49

Cura delle perle

Alcuni semplici accorgimenti per preservare la bellezza delle vostre perle coltivate per generazioni e generazioni.



Per mantenere la bellezza originale delle perle è importante evitare il contatto diretto con sostanze acide come prodotti chimici (profumi, cosmetici, acqua clorata, detersivi etc.), alimenti particolarmente acidi (frutta, aceto e alcool) e sudore. Dopo l’uso si consiglia di pulire le perle con un panno umido e di riporle in un cofanetto privo di altri gioielli per evitare graffiature. Le perle vanno conservate in ambienti non troppo caldi, lontani dalle fonti di luce diretta, e indossate abbastanza frequentemente per impedirne la disidratazione . Per evitare rotture improvvise delle collane di perle, il filo andrebbe sostituito ogni 2 anni circa, ricordando sempre al gioielliere di effettuare dei nodi tra una perla e l’altra.
Le perle sono gemme delicate rispetto alle pietre ed ai metalli preziosi in quanto costituite da una sostanza organica relativamente tenera, la madreperla. Per assicurarsi che restino belle e luminose nel tempo è importante averne cura in modo particolare. Ecco alcuni consigli per mantenere inalterato lo splendore delle vostre perle per generazioni e generazioni.
È importante evitare il contatto diretto con alcune sostanze acide che negli anni potrebbero opacizzare gli strati superficiali di madreperla ed appannare definitivamente la naturale lucentezza della perlagione:

Prodotti chimici


Gli acidi presenti nei prodotti chimici potrebbero rovinare seriamente i vostri gioielli. Pertanto indossate le perle coltivate dopo (e non durante) l’applicazione di profumo, lacca per capelli, saponi, creme, cosmetici e altri prodotti di bellezza. Evitate inoltre il contatto con l’acqua clorata della piscina, i detersivi e i prodotti per il giardinaggio.

Alimenti acidi


Le perle di coltura temono anche gli agenti acidi contenuti in alcuni cibi come la frutta (soprattutto gli agrumi), l’aceto e l’alcool. Se durante un pasto questi alimenti dovessero bagnare le perle, pulitele subito con un panno di cotone leggermente umido.

Sudore


L’acido normalmente contenuto nel sudore è un altro nemico delle perle coltivate. Per preservarle, non indossatele troppo a lungo nelle giornate estive particolarmente afose e durante le attività sportive.

È consigliabile pulire spesso i gioielli con perle coltivate:

Pulizia dopo l’uso

Dopo avere indossato le perle di coltura, è opportuno strofinarle dolcemente con un panno soffice (in cotone, velluto o pelle di daino) inumidito con qualche goccia d’acqua, in modo da rimuovere eventuali residui di sostanze nocive (cosmetici, sudore, etc.) trasmessi dalla pelle. Conclusa la pulizia, appoggiate le perle su un asciugamano pulito e fatele asciugare bene all’aria prima di riporle nel cofanetto. Non usate mai spazzolini o altri strumenti abrasivi ed evitate gli apparecchi di pulizia ad ultrasuoni.


Pulizia periodica


Ad intervalli regolari (circa 3 volte l’anno) pulite i gioielli in modo più approfondito, strofinando accuratamente ogni perla con un panno morbido imbevuto con qualche goccia di olio d’oliva o olio di legno di sandalo. Con questo trattamento, le perle coltivate saranno più lisce e si disidrateranno meno facilmente. Se desiderate una pulizia ancora più accurata rivolgetevi al vostro gioielliere di fiducia.

Le perle di coltura dovrebbero essere custodite con alcune accortezze:

  • Cofanetto

Le perle coltivate dovrebbero essere conservate separatamente dai gioielli duri, come metalli e pietre preziose, per evitare graffi e scalfiture accidentali. È preferibile riporre le perle in custodie individuali, o in un compartimento distinto nel portagioie, o all’interno di una busta di tessuto morbido (non di cotone o lana).

  • Temperatura

La perla coltivata è una sorta di “gemma vivente” in quanto è costituita da sostanze organiche, tra cui proteine e acqua (4%). Se sottoposte ad uno stress termico eccessivo (temperatura superiore a 60° C), queste sostanze possono regredire, causando la disidratazione e la morte della perla (i pigmenti si seccano e la perla diventa completamente opaca ed incolore). Per mantenere idratate le vostre perle di coltura è sufficiente conservarle in luoghi non troppo caldi, non esporle a fonti di luce diretta e non riporle in buste di cotone o lana. Inoltre, l’umidità della nostra pelle contribuisce alla reidratazione delle gemme, perciò risulta utile indossare regolarmente le perle.

Le perle coltivate andrebbero periodicamente reinfilate :

Reinfilatura

È consigliabile far reinfilare la vostra collana di perle almeno una volta ogni due anni; se indossate il gioiello diverse volte alla settimana, procedete alla reinfilatura annualmente. In questo modo preserverete il gioiello da rotture del filo dovute all’usura, ma anche dall’accumulo di sporcizia tra una perla e l’altra. Assicuratevi che il gioielliere inserisca un nodo tra perla e perla per evitare lo sfregamento delle gemme l’una contro l’altra e per impedire che tutte le perle si sfilino in caso di spezzamento improvviso del filo.


Riflessi d'oro




Le perle

Pubblicato da Romina in Perle · 1/7/2019 12:13:50

Le perle: delle pietre vere e proprie

Collane, orecchini, anelli, braccialetti… Le perle sono estremamente adattabili. Nella loro versione più raffinata, sono ornate di pietre preziose: in tal caso, è il diamante il loro compagno d’eccezione.
Queste sfere di madreperla sono fra le pietre organiche naturali più diffuse; oggi sono abbondantemente fabbricate dall’uomo sotto forma di coltivazioni perlacee. Le ostriche, da cui le perle traggono origine, sono allevate con la massima cura; l’ambiente e la qualità delle acqua in cui si sviluppano hanno un impatto diretto sulla qualità della perla.
Esistono quattro famiglie di perle: le perle d’acqua dolce, le perle Akoya, le perle Tahiti e le perle australiane.


Le perle Tahiti sono particolarmente riconoscibili. Comunemente chiamate perle nere, si declinano anche in altri colori, dal rosa melanzana al nero più scuro, passando dal grigio con riflessi verdi o blu.
Le altre varietà di perle, d’acqua dolce, Akoya e australiane, presentano un colore più chiaro, bianco o crema, ma anche rosa, giallo o argento.
Oltre al colore, la perla viene valutata in base alla sua forma e alla sua lucentezza. Contrariamente alle altre gemme, non può essere tagliata: viene utilizzata nelle creazioni nella sua forma originaria. Se è vero che, di conseguenza, una perla perfettamente sferica e brillante è di grande valore, è anche vero che altri formati di perle sono ugualmente molto apprezzati in base ai gusti personali: ovale, barocca o a goccia. Per quanto riguarda la lucentezza, essa dipende dalla quantità di madreperla che circonda il grano di sabbia che fa da nucleo alla perla. Più la perla è grande, più contiene madreperla.
Le perle non hanno età. Se vuoi offrirle ad una ragazza giovane, privilegia i modelli di piccole dimensioni. Per una donna, puoi tranquillamente orientarti verso i modelli più elaborati. Comunque, il gioiello più intramontabile e immancabile in ogni portagioie resta sempre la collana di perle! Il prezzo oscilla in base al modello: fra tante varietà, troverai di sicuro la perla giusta per il tuo portafoglio.

Certificati e cura

Garantiamo  la vendita di pietre di ottima qualità, insieme al tuo acquisto, ti forniamo un certificato di autenticità che attesta che la gemma è stata selezionata secondo i criteri scientifici più elevati.
Pur vantando una buona resistenza nel tempo, la maggior parte delle pietre hanno la tendenza ad opacizzarsi con il passare degli anni. Si consiglia vivamente di conservare le pietre con la dovuta cura, effettuando una pulizia regolare. Una o due volte all’anno, lavale con il sapone in acqua calda, utilizzando eventualmente uno spazzolino per rimuovere i possibili depositi di polvere e di sporcizia.
Attenzione: le perle devono essere conservate con una cura particolare. Essendo composte da sostanze organiche, sono particolarmente sensibili al cloro e agli acidi. Dopo averle indossate, riponile in un tessuto delicato che le proteggerà dalla durezza degli altri gioielli.




Torna ai contenuti | Torna al menu